Il Tribunale conferma l’inidoneità del mutuo condizionato a fungere da titolo esecutivo ai fini dell’esecuzione forzata e, di conseguenza, sospende l’esecuzione.

Il Collegio ha sottolineato che il denaro è rimasto di fatto nelle disponibilità del mutuante e che nessun valore può avere la “la “dichiarazione di quietanza” che è stata effettuata dal mutuatario prima dell’erogazione della somma; detta dichiarazione è sostanzialmente un “atto di fede” piuttosto che una dichiarazione di scienza”.

Mutuo non idoneo: vedi l’ordinanza

Mutuo ipotecario

Download (PDF, 1006KB)


Desideri approfondire l'argomento? Entra in contatto.

[wpforms id="482" title="false" description="false"]
Mutuo non idoneo: Tribunale di Pistoia Ordinanza del 3 nov. 2017