Condividi

La Corte di cassazione conferma il proprio consolidato orientamento in tema di prescrizione: “L’azione di ripetizione di indebito, proposta dal cliente di una banca, il quale lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, è soggetta all’ordinaria prescrizione decennale, la quale decorre, nell’ipotesi in cui i versamenti abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, non dalla data di annotazione in conto di ogni singola posta di interessi illegittimamente addebitati, ma dalla data di estinzione del saldo di chiusura del conto, in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati. Infatti, nell’anzidetta ipotesi ciascun versamento non configura un pagamento dal quale far decorrere, ove ritenuto indebito, il termine prescrizionale del diritto alla ripetizione, giacchè il pagamento che può dar vita ad una pretesa restitutoria è esclusivamente quello che si sia tradotto nell’esecuzione di una prestazione da parte del solvens conconseguente spostamento patrimoniale in favore dell’accipiens”. L’orientamento è stato costantemente seguito e, recentemente, ribadito nella pronuncia n. 10713 del 2016”. 

Download (PDF, 90KB)

Cassazione civile, sez. I, 07 febbraio 2017, n. 3190. Est. Acierno.

Condividi